Pubblicato da: alessandrogori | 03/02/2011

Visitate il nuovo sito AlessandroGori.Info

Dal primo febbraio 2011 Carnia-Caucaso è confluito nel nuovo sito dell’autore: AlessandroGori.Info

Vi troverete tutte le puntate pubblicate finora e molto altro ancora.

Annunci
Pubblicato da: alessandrogori | 16/12/2009

Grazie Shalva!

Guria, lunedì 24 agosto

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 14/12/2009

La fine del mondo è un’altra

Ushguli, domenica 23 agosto

Pensavamo di essere arrivati alla fine del mondo, ma ci sbagliavamo di grosso.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 13/12/2009

Mestia e Vittorio Sella

Svaneti, domenica 23 agosto

Ritorniamo a Mestia, la “capitale” di Svaneti.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 12/12/2009

Gastronomade su bora.la

È uscita una mia intervista sul blog triestino bora.la, che ha coniato la simpatica definizione di “gastronomade”.

Qui il collegamento per leggerla.

Pubblicato da: alessandrogori | 12/12/2009

Le torri di Svaneti, il ghiacciaio e la fonte

Svaneti, sabato 22 agosto

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 19/11/2009

Verso Svaneti

Svaneti, venerdì 21 agosto

Ci apprestiamo a vivere quella che sarà la giornata più difficile, avventurosa, pazza, complicata, affascinante del viaggio, almeno fino a questo punto.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 13/11/2009

Tbilisi, prima e dopo

Tbilisi, giovedì 20 agosto

Tbilisi 2009 panorama

Tbilisi, il cui nome viene dal georgiano tbili, “caldo” per la forte presenza nell’antichità di sorgenti sulfuree, è costruita tra due colline principali sul fiume Mtkvari. Con i suoi due milioni di abitanti rappresenta la capitale di un paese di quasi cinque milioni di persone grande come Piemonte, Lombardia e Veneto messi insieme.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 08/11/2009

A “Fuorirotta” (Udine), domenica 8 novembre, ore 18:30

Via terra dalla Carnia al Caucaso. Storie di un viaggio estivo. Foto e parole con Alessandro Gori, insieme ad Andrea Pilia.

Libreria Odòs, via General Baldissera 56, Udine, domenica 8 novembre, ore 18.30

fuorirotta

Un fotografo e giornalista indipendente, inguaribile appassionato delle rotte balcaniche, torna a Fuorirotta per raccontarci la sua ultima avventura di viaggio e di conoscenza: un lungo percorso, quasi sempre in solitaria, dalla Carnia al Caucaso, dal festival degli ottoni di Guča (Serbia) alle tradizioni georgiane, fino agli sperduti e improbabili territori dell’Abkhazia e Nagorno Karabakh. Due mesi senza mai prendere l’aereo. Il carnico Alessandro Gori conversa con Andrea Pilìa, l’amico di tante esperienze, ostiere d’oltre Tagliamento.

Sul sito di Vicino/Lontano si può trovare il programma completo della manifestazione.

Questa la pagina della libreria e casa editrice Odòs.

Qui una mia intervista rilasciata a Francesco Brollo per il suo blog Tolmezzo News.

Pubblicato da: alessandrogori | 03/11/2009

A casa degli zii a Kakheti, la regione del vino

Gurjaani, giovedì 20 agosto

Gurjaani serata sotto la vigna e zucche

In mezzo al buio raggiungiamo il villaggio di Gurjaani, per fortuna Giorgi si ricorda come arrivare alla casa dei suoi zii, Usupi e Makhvala. Ci troviamo nella regione di Kakheti, dove si producono enormi quantità di vino. Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 03/11/2009

Davit Gareja e Sighnaghi

Kakheti, mercoledì 19 agosto

Davit Gareja panorama su Lavra 1

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 02/11/2009

Jvari e Mtskheta

Jvari, martedì 18 agosto

Jvari church esterno 1

Dopo le reminescenze staliniane a Gori, la giornata prosegue tra il profano ed il sacro con la visita dell’antichissima chiesa di Jvari, per molti georgiani la più simbolica del paese.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 01/11/2009

Gori a Gori

Gori, martedì 18 agosto

Gori a Gori

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 31/10/2009

Subito a tavola

Tbilisi, lunedì 17 agosto

Tbilisi supra tamada 1

Dopo quasi sette ore arriviamo finalmente a Tbilisi. Il nostro amico Giorgi ci ha già organizzato tutto. «Non passiamo neanche da casa», dice, «altrimenti non facciamo in tempo»: siamo stati invitati ad una cena per il compleanno di David, un suo amico e collega.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 30/10/2009

Il mistero della lingua georgiana

Tbilisi, lunedì 17 agosto

lingua georgiana mtsvadi

Appena entrati in Georgia si ha il primo contatto con le asperità del kartuli, la lingua georgiana. Si tratta di un idioma antichissimo profondamente legato all’identità georgiana: funziona con sette casi grammaticali e con il sistema agglutinante che permette l’esistenza di parole con addirittura sei o otto consonanti di seguito, come mtsvrtneli (allenatore) e soprattutto la fantasmagorica gvbrdgvnis (qualcosa come “tirar fuori, strappare”) o gvprtskvni (“tu ci sbucci”).

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 29/10/2009

Borjomi, l’embargo russo e il primo approccio con la Georgia

Borjomi, lunedì 17 agosto

Dopo la strada dissestata, passiamo Vale, la prima cittadina sul cammino, e continuiamo la discesa verso le valli sottostanti seguendo il fiume Mtkvari, lo stesso che passa poi per Tbilisi. Attraversiamo anche la località di Borjomi, immersa nel parco nazionale Borjomi Kharagauli e celeberrima in tutta l’Unione Sovietica: qui viene imbottigliata la più famosa acqua minerale dell’ex Impero, molto gasata e ricchissima in sali minerali.

acqua minerale Borjomi

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 29/10/2009

Gas e petrolio, la nuova Via della Seta

Posof, lunedì 17 agosto

Tbilisi President George W Bush street 1

Dopo la lunga attesa riprendiamo la strada, forse la più dissestata di tutta la Georgia. Strano che si trovi in queste condizioni perché proprio qui vicino passa il gasdotto Bakı-Tbilisi-Erzurum e soprattutto il celebre “BTC” (Bakı-Tbilisi-Ceyhan): il secondo oleodotto più lungo al mondo, progetto occidentale da quasi 4 miliardi di dollari (30% di “British Petroleum” e vari soci minori, tra i quali anche una partecipazione dell’“ENI” al 5%) con una capacità di un milione di barili al giorno.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 27/10/2009

La rocambolesca entrata in Georgia

Posof, lunedì 17 agosto

Posof frontiera Turchia Georgia parte turca 2

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 23/10/2009

Atatürk ci guarda

Mustafa Kemal Atatürk, già ufficiale dell’Esercito Ottomano, fu il fondatore della Repubblica turca (1923) e suo primo Presidente fino alla morte (di cirrosi!) nel 1938.

Atatürk al Bazar delle Spezie di İstanbul

Atatürk al Bazar delle Spezie di İstanbul

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 23/10/2009

Ani, l’antica capitale armena

Ani, domenica 16 agosto

Ani rovine Chiesa San Gregorio Illuminatore 1

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 21/10/2009

La pozza mancata e ricordi di altre latitudini

Diyadin, sabato 15 agosto

Avevamo sentito parlare di una pozza d’acqua calda sulfurea in un villaggio a circa 50 km da Doğubayazıt, chiamato Diyadin.

Diyadin pozza calda geysir 1

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 21/10/2009

L’İshak-paşa Sarayı, un sogno avverato

Doğubayazıt, sabato 15 agosto

Dogubayazit Ishak-pasa Sarayi 7

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 20/10/2009

Verso Doğubayazıt e la visione dell’Ararat

Doğubayazıt, sabato 15 agosto

Monte Ararat da Dogubayazit 2

Dopo le località piene di turisti, di ragazzi occidentali con lo zaino e il treno in comodità, il viaggio vero e proprio inizia oggi.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 19/10/2009

L’arrivo a Kars

Kars, venerdì 14 agosto

Il ritardo ci ha provocato qualche problema. Arrivare a mezzanotte e mezza non è il massimo per trovare un giaciglio per quattro persone, neanche a Kars.

il cartello della stazione di kars, turchia

La stazione di Kars, Turchia

Continua a leggere…

In treno, da qualche parte in Turchia, venerdì 14 agosto

Al mattino presto prendiamo un taxi per arrivare a Karaköy, poco oltre il ponte di Galata. Da lì salpano i battelli per raggiungere Haydarpaşa, la stazione di İstanbul che si trova già in Asia e da cui partono i treni per l’Oriente.

dogu ekspresi 3

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 13/10/2009

La cucina di İstanbul e il Ramadan alcoolico

İstanbul, mercoledì 12 agosto

Di fronte all’albergo abbiamo il primo contatto con la cucina di İstanbul.

spiedino melanzane e carne 2

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 08/10/2009

Cambio di programma ferroviario

İstanbul, mercoledì 12 agosto

Fin da subito abbiamo dovuto cambiare i piani per la continuazione del viaggio. La nostra idea era prendere il treno İstanbul – Tehran per arrivare fino a Van, nell’estremo est della Turchia: se il percorso totale è di 66 ore, fino al nostro obiettivo sarebbero state circa 44, comprese sette ore di attraversamento del Lago di Van quando il convoglio sale su un traghetto.

rifacendo il programma

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 07/10/2009

Hamam

İstanbul, mercoledì 12 agosto

Il rito dell’hamam, il bagno turco, è un’esperienza sicuramente da provare.

11

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 07/10/2009

I Bazar di İstanbul e ricordi della Siria

İstanbul, mercoledì 12 agosto

Nonostante abbia già visitato İstanbul in un paio di occasioni l’impatto è contundente. Sembra che qui la gente non si fermi mai: tra commercio e passeggio c’è sempre movimento a qualsiasi ora del giorno e della notte.

bazar spezie

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 05/10/2009

Galata e Beyoğlu

İstanbul, martedì 11 agosto

La tozza Torre di Galata domina il quartiere di Beyoğlu.

torre galata 3

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 05/10/2009

Reminescenze Balkan

İstanbul, martedì 11 agosto

Curiosando per le vie laterali, lontano dalla ressa dei turisti, ci imbattiamo per caso in una sorpresa, la piccola e seminascosta Moschea di Mehmet Paşa (Sokullu Mehmet Paşa Camii), anch’essa un capolavoro di Sinan completata nel 1572.

sokullu patio

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 03/10/2009

Il fascino di İstanbul / Costantinopoli / Bisanzio

İstanbul, martedì 11 agosto

Esistono città con una personalità talmente forte che camminando per le loro strade si ha la sensazione che non ci si potrebbe trovare in nessun altro posto al mondo. İstanbul, l’antica Bisanzio e poi Costantinopoli, è una delle città più affascinanti che conosca, il ponte, anche geografico, tra Europa ed Asia.

corno d'oro da galata

Continua a leggere…

Beograd, lunedì 10 agosto

Domenica sera a Beograd ci siamo finalmente ritrovati con Andrea, Sergio e Furio, gli altri tre amici che parteciperanno all’avventura caucasica. Ancora una volta siamo ospitati (due più due) dai grandissimi Mile e Vesna ed Olja e Sale, sempre disponibili in questi casi.

la truppa con mile e vesna

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 09/08/2009

Il festival di Guča, come sempre

Guča, domenica 9 agosto

guca1

Anche quest’anno il festival di Guča è terminato. Nonostante le complicazioni per organizzare sistemazione ed altro per vari amici vecchi e nuovi e la stanchezza sono molto contento, anche se stremato.

Continua a leggere…

Vojvodina, mercoledì 5 agosto

salas137 - malvina

In questi ultimi giorni belgradesi prima di Guča e dell’inizio del viaggio verso il Caucaso ho ricevuto una visita inaspettata: Stefano Missio [questo il suo sito] con la sua Valentina e la piccola Malvina.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 01/08/2009

Nađa, Čavić e la nazionale di pallanuoto

Beograd / Roma, sabato 1 agosto

In questi giorni l’intero paese si ferma davanti ai teleschermi per seguire le gare dei Mondiali di nuoto da Roma.

giornali nuoto09c

Continua a leggere…

Beograd, sabato 1 agosto

In una pausa delle trasmissioni da Roma è passata rapidissima la notizia al telegiornale della morte in un incidente stradale di Borka Vučić. La signora 84enne fu tra le banchiere di fiducia di Slobodan Milošević negli anni bui e durissimi dell’embargo internazionale dei primi anni Novanta, soprattutto quando era la direttrice della “Beogradska Banka” della filiale di Cipro. La parte greca dell’isola costituiva il principale punto di uscita dell’immensa quantità di denaro che venne depredato e ripulito dalle varie mafie europee in connivenza con quelle serbe negli anni di guerra, soprattutto durante l’embargo internazionale che decretò l’espulsione della Serbia da tutte le organizzazioni internazionali, Interpol compresa.

borka vucic B92

(foto B92)

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 30/07/2009

Le Mangulice

Zasavica, venerdì 30 luglio

mangulica1

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 29/07/2009

Le kafane sul Danubio

Zemun, mercoledì 29 luglio

Precedentemente si parlava delle kafane belgradesi e poco fa del Danubio. Unendo questi due argomenti non si può non parlare di Zemun, la bella cittadina dai tratti austroungarici, diventata ormai un sobborgo della capitale.

zemun - dunja galeb

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 26/07/2009

Festa di matrimonio hippie su una barca sul Danubio, poi Golubac

Golubac, domenica 26 luglio

Con molto piacere sono stato ingaggiato come fotografo ufficiale nella due giorni del matrimonio di due amici, Olja e Sale, che hanno pensato ad una festa molto lontana dalla tradizione serba.

olja+sale

Continua a leggere…

Beograd, venerdì 24 luglio

Purtroppo alcuni miei amici che abitano nelle enclaves serbe in Kosovo e Metohija non sono a casa in questo momento. Speravo di riuscire a ritagliarmi qualche giorno per andare a trovarli. Dal 1999 sono andato giù almeno una volta all’anno, spero di rifarmi in autunno.

Quest’anno ricorrono i dieci anni dei bombardamenti NATO sulla Serbia e ancora oggi la situazione giù è una vergogna.

enclave belo polje dopo pogrom 17 03 2004

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 24/07/2009

Beograd e la Santa Trinità Serba

Beograd, venerdì 24 luglio

beograd - confluenza

Beograd è una delle città più belle del mondo, soprattutto per le sue vibrazioni ed il senso tellurico che la pervade.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 22/07/2009

La filosofia della kafana, “Kamiondžije” e “Brka”

Regione di Niš, mercoledì 22 luglio

svrljig - kamiondzije1

Uno degli aspetti più interessanti del paese è una serata con amici in kafana, le tipiche taverne serbe.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 22/07/2009

Niš, Čegar, ćika Sele, Ćele Kula

Niš, mercoledì 22 luglio

Da molti anni vengo a Niš dove risiede un altro amico, Dušan, laureato in italiano, lingua che ora insegna al Liceo. Fuori città sorge un monumento interessante che ricorda uno di quegli avvenimenti epici che sono così cari ai serbi.

cegar

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 20/07/2009

Ricordo di deda Ljuba e panegirico della rakija

Boljkovci, lunedì 20 luglio

boljkovci - deda05

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 19/07/2009

Zlatibor, il suo mercato e le qualificazioni per Guča

Zlatibor, domenica 19 luglio

Zlatibor è una popolare località di villeggiatura invernale ed estiva. Anche se architettonicamente negli ultimi anni è un posto che ha lasciato a desiderare [si veda la storia sul villaggio di Kusturica], Zlatibor è rinomata per la qualità dei suoi prodotti. L’aria frizzantina (anche in questi giorni, mentre dappertutto fa invece un caldo micidiale) stimola l’appetito.

zlatibor - rakije al mercato

Dalle nostre numerose visite a Zlatibor un posto dell’anima è sicuramente il locale mercato che, come diceva Andrea, «dovrebbe essere inserito nella lista del Patrimonio Universale dell’UNESCO».

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 18/07/2009

Ritorno in Serbia: finalmente la liberalizzazione dei visti!

Serbia, sabato 18 luglio

Ritorno in Serbia dopo molti mesi, tanti che anche la mia sim con il numero serbo che ho da anni mi è stata bloccata (poi per fortuna sono riuscito a riaverlo).

La grande novità, di pochissimi giorni fa, è un avvenimento che i cittadini serbi stavano aspettando da anni: la liberalizzazione dei visti Schengen. In breve, se non ci saranno novità (sempre potrebbero accadere), dopo 17 anni e mezzo i serbi potranno viaggiare nuovamente in Europa Occidentale (zona Schengen) senza bisogno del visto. Inizialmente era previsto per il primo gennaio 2010, ma ora la data è stata anticipata al 19 dicembre, proprio il giorno di Sveti Nikola (San Nicola), il santo più venerato in Serbia.

novi srpski pasos

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 18/07/2009

Kustendorf e la Šarganska Osmica

Mećavnik, sabato 18 luglio

kustendorf1

Subito dopo Višegrad, appena passato il confine, si trovano due tra le località turistiche più visitate in Serbia. Questo il pezzo sull’apertura del villaggio di Kusturica.

Continua a leggere…

Pubblicato da: alessandrogori | 18/07/2009

Le difficoltà della Bosnia, l’esempio di Brčko

Bosnia Erzegovina, sabato 18 luglio

brcko in due alfabeti 1

L’estrema difficoltà del fragile sistema politico della Bosnia è esemplificata da Brčko, l’unico distretto rimasto multietnico dopo la guerra, e per questo preso a modello dalla Comunità Internazionale. Ma non tutto funziona come previsto.

Leggi l’articolo su Brcko uscito su Euregio Magazine (file PDF)

Pubblicato da: alessandrogori | 18/07/2009

Il Ponte sulla Drina

Višegrad, sabato 18 luglio

Come consigliavo ad un amico prima di partire, in cima alle letture Balkan obbligatorie c’è Il Ponte sulla Drina.

visegrad - il ponte sulla drina

Continua a leggere…

Older Posts »

Categorie